H

Da Dizionario Italiano.
, Maiuscolo HSostantivo Femminile o Maschile Invariato
  • Lettera dell'alfabeto latino e delle lingue che lo adottano, il cui nome in italiano è acca; mentre in latino rappresentava l'occlusiva laringale, in italiano non ha alcun valore fonetico (è detta perciò anche h muta), ma esclusivamente ortografico: entra nei digrammi ch e gh, che rendono la consonante occlusiva velare sorda e sonora davanti alle vocali e, i (chela, chitarra, ghepardo, ghiro);
    è prescritta nelle forme del presente del verbo avere (ho, hai, ha, hanno) per distinguerle dagli omofoni o, ai, a, anno; compare in molte interiezioni, per rendere una particolare intonazione o lunghezza della vocale che la precede o segue (ah, ohimè) o anche una vera e propria aspirazione (ehm, hi) e comunque per evitare omografie. È usata nelle parole straniere non adattate e nei derivati italiani, ma anche qui nella pronuncia perde in genere il valore fonetico originario. In passato, era presente, per motivi etimologici, in parole come honore, hora etc... o in digrammi come ph (Pronome), th, ch; sopravvive in vari toponimi (Santhià, Rho) e in alcuni cognomi (Honorato, Pamphili)
  • In funzione di Aggettivo: bomba H, bomba all'idrogeno