Differenze tra le versioni di "A"

Da Dizionario Italiano.
 
Riga 1: Riga 1:
 
[[File:A.jpg|right|thumb|A]]
 
[[File:A.jpg|right|thumb|A]]
  
==A Maiuscolo==
+
==<sup>1</sup>A==
 
<span class="da-notare">Sostantivo Femminile o Maschile Invariato</span>
 
<span class="da-notare">Sostantivo Femminile o Maschile Invariato</span>
 
* Prima lettera dell'alfabeto latino e delle lingue che lo adottano; <br /> in italiano rappresenta la vocale di massima apertura &#8214; <span class="lcd">non dire né a né ba</span>, tacere, non sapere che dire &#8214; <span class="lcd">dalla a alla zeta</span>, da cima a fondo, completamente
 
* Prima lettera dell'alfabeto latino e delle lingue che lo adottano; <br /> in italiano rappresenta la vocale di massima apertura &#8214; <span class="lcd">non dire né a né ba</span>, tacere, non sapere che dire &#8214; <span class="lcd">dalla a alla zeta</span>, da cima a fondo, completamente
Riga 10: Riga 10:
 
[[Categoria:Sostantivo Femminile o Maschile Invariato]]
 
[[Categoria:Sostantivo Femminile o Maschile Invariato]]
  
==A Preposizione==
+
==<sup>2</sup>A==
 
<span class="da-notare">Preposizione</span>
 
<span class="da-notare">Preposizione</span>
 
(<span class="da-notare">assume la</span> <span class="esempio">-d</span><span class="da-notare">eufonica solo davanti a parola iniziante per</span> <span class="esempio">a</span><span class="da-notare">e in alcune espressioni consolidate</span>: <span class="esempio">ad Aosta, ad esempio, ad eccezione, ad opera</span>;<span class="da-notare">con gli articolo determinativo</span> <span class="esempio">il, lo, la, i, gli, le</span><span class="da-notare">forma le Preposizione articolate</span> <span class="esempio">al, allo, alla, ai, agli, alle</span>.<span class="da-notare">L'effetto di raddoppiamento sintattico è visibile nei composti cristallizzati</span>: <span class="esempio">affatto, appena, apposta</span> etc...)
 
(<span class="da-notare">assume la</span> <span class="esempio">-d</span><span class="da-notare">eufonica solo davanti a parola iniziante per</span> <span class="esempio">a</span><span class="da-notare">e in alcune espressioni consolidate</span>: <span class="esempio">ad Aosta, ad esempio, ad eccezione, ad opera</span>;<span class="da-notare">con gli articolo determinativo</span> <span class="esempio">il, lo, la, i, gli, le</span><span class="da-notare">forma le Preposizione articolate</span> <span class="esempio">al, allo, alla, ai, agli, alle</span>.<span class="da-notare">L'effetto di raddoppiamento sintattico è visibile nei composti cristallizzati</span>: <span class="esempio">affatto, appena, apposta</span> etc...)

Versione attuale delle 16:44, 13 feb 2010

1A

Sostantivo Femminile o Maschile Invariato

  • Prima lettera dell'alfabeto latino e delle lingue che lo adottano;
    in italiano rappresenta la vocale di massima apertura ‖ non dire né a né ba, tacere, non sapere che dire ‖ dalla a alla zeta, da cima a fondo, completamente
  • In funzione di Aggettivo, come numerale Ordinale posposto al sostantivo, primo in una serie o in una graduatoria: scala A, sezione Avitamina A, in biochimica, la vitamina che regola la funzionalità e l'integrità dei tessuti ‖ bomba A, la bomba atomica ‖ gruppo A, in ematologia, uno dei gruppi sanguigni ‖ patente A, quella necessaria per guidare motocicli ‖ serie A, nello sport, la categoria di squadre o di atleti più forti, che disputano il campionato principale ‖ Figurativo, di serie A, di qualità superiore o, anche, appartenente a una categoria privilegiata: film di serie A

2A

Preposizione (assume la -deufonica solo davanti a parola iniziante per ae in alcune espressioni consolidate: ad Aosta, ad esempio, ad eccezione, ad opera;con gli articolo determinativo il, lo, la, i, gli, leforma le Preposizione articolate al, allo, alla, ai, agli, alle.L'effetto di raddoppiamento sintattico è visibile nei composti cristallizzati: affatto, appena, apposta etc...)

  • Esprime un Significato di «movimento fino a (o verso) un luogo (anche astratto)», dal quale si è sviluppato anche il Significato più generico di «riferimento a un termine, spaziale, temporale o di altra natura»
  • Entra a formare complementi, frasi dipendenti implicite e locuzioni (di cui qui si forniscono solo casi tipici)
  • COMPLEMENTI: moto a luogo o verso luogo: andare a casa, a Roma; arrivare al traguardo; cadere a terra; la facciata (che guarda) a oriente; (correre) al fuoco!; al ladro!; anche in espressioni Figurativo,: giungere a un accordo; richiamare alla memoria; andare al potere; andare a male; mandare a monte; mandare al diavolo, a quel paese; portato all'astrazione - stato in luogo: lavorare all'ufficio del catasto; risiedere a Firenze; stare al balcone; essere a letto; portare qualcosa al dito; vivere all'aria aperta - prossimità a un luogo (Specifico in toponimi): passare le vacanze al mare; sedersi a tavola; Montorio al Vomano - distanza di spazio o di tempo: essere a cento metri dal traguardo; a un mese dalle nozze - termine: lo dico a te; lo consegno a lui; rispondere ai saluti; partecipare a una festa; anche in dipendenza da verbi causativi: far fare a qualcuno un lavoro - vantaggio o svantaggio: tramare ai danni di qualcuno; tornare a onore di qualcuno; dannoso alla salute - scopo, destinazione o effetto: mettere un cane a guardia della casa; andare a pesca, a passeggio; provvedimento a sostegno della moneta; testimonianza a carico di qualcuno; invitare a cena - tempo o età determinati: a mezzanotte, al mattino; alla partenza; a Natale; al tempo dei faraoni; a domani!; all'età di quattro anni - pena: condannare all'ergastolo; mandare a morte - paragone o rapporto: essere messo a confronto con qualcuno; un quadro simile a questo; essere superiore a qualcuno - causa (in quanto circostanza o elemento determinante): alla mia domanda si insospettì - mezzo o strumento (talora in connessione con l'idea di tipo o qualità o di modo): scrivere a macchina; chiudere a chiave; giocare a carte; andare a piedi; a orecchio, a lume di naso; dipinto a mano; barca a remi - modo o maniera (vedi anche locuzioni avverbiali): a bassa voce; a rotta di collo; a passo d'uomo; disposti a cerchio; vestire alla moda; spaghetti alla carbonara; alla rinfusa - qualità (spesso in connessione con l'idea di forma): quaderno a righe; gonna a pieghe; pantaloni a zampa d'elefante; contribuente a reddito fisso; sacco a pelo - limitazione: a parole sembra d'accordo con noi; a mio giudizio; ferito a una gamba - prezzo e misura: a buon mercato; lo vende a mille euro; a tutti i costi; a metri, a piene mani - distribuzione: a due a due; a giorni alterni; vivere alla giornata; 200 chilometri all'ora - predicativo (del soggetto o dell'oggetto): avere qualcuno, qualcosa a noia; eleggere qualcuno a rappresentante
  • FRASI DIPENDENTI IMPLICITE con l'infinito: finali: andare a vedere; riuscire a convincere; anche con valore ingressivo: mettersi a lavorare; o durativo: continuare a studiare - limitative (in dipendenza da Aggettivo): brutto a vedersi; facile a dirsi; con sfumatura condizionale: a sentir lui, è tutto facile - causali (anche con valore di temporalità): a sentirlo parlare mi sono venuti i brividi - concessive negative (precedute o no da congiunzione): non trovi un posto (anche) a pagarlo a peso d'oro - frasi scisse (equivalenti di relative): è lui a dirlo; sono il primo a non crederci
  • LOCUZIONI (nelle quali assume valori vari o oscillanti): preposizionali (con valore locativo): di fronte a; in mezzo a; vicino a; (con valore di compagnia): insieme a; (con valore limitativo): (in) quanto a; relativamente a - congiunzionali (con valore condizionale): a patto che; a condizione che; (con valore eccettuativo): a meno che; (con valore sospensivo): a parte che - avverbiali (spesso con valore di modo): a volte; a caso; a fondo; a lungo; a freddo; a ragione; a malapena; al volo; a poco a poco etc...